screenshot 0032 299x300

A Natale sono tutti più buoni, e incredibile ma vero pure la Vodafone mi ha chiamato personalmente per regalarmi una Internet Key da 7,2 mbps. Avete presente le solite chiavette che viaggiano velocissime solo se avete il quoziente intellettivo della Blasi? Ecco proprio quelle… Ma dato che è omaggio perchè sputarci sopra? Mentre era facilissimo configurare su Ubuntu la vecchia chiavetta della mia fidanzata (modello: E172), con il mio nuovo modello K3765-Z non c’è nulla da fare, a meno che…

Scartabellando un po’ di forum e siti vari ho trovato una soluzione davvero gradevole e funzionale: Vodafone Mobile Connect by Betavine! Si tratta di un programma open source che permette di utilizzare molte delle caratteristiche del software originale Vodafone, come l’invio di SMS, la posta e le statistiche di utilizzo. Questo software l’ho testato con successo su Ubuntu 9.10 a 32 bit, se qualcuno disponesse dei repository farlo funzionare su 64 bit, ce li comunichi nei commenti!

Innanzitutto bisogna aggiungere alcune righe al file sources.list. Per far questo diamo il comando da terminale:

:~$ sudo gedit /etc/apt/sources.list

Incolliamo le seguenti righe al file, salviamo e chiudiamo.

# Repository pepinet.com per architettura i386
deb http://www.pepinet.com/debian/i386 binary/
deb-src http://www.pepinet.com/debian/i386 source/

Una volta aggiunti i repository indicati, aggiorniamo il sistema da terminale:

:~$ sudo apt-get update

Ora non ci resta che installare il programma da Synaptic (“Sistema > Amministrazione > Gestione Pacchetti”). Nel motore di ricerca scriviamo “vodafone-mobile-connect”, selezioniamolo e installiamolo.

Ora comparirà in “Applicazioni > Internet”, inseriamo la internet key e avviamo il programma. Vodafone Mobile Connect individuerà automaticamente il tipo di chiavetta inserita e inizierà una installazione guidata in cui ci toccherà inserire pochi dati, nulla da dover cercare, solo dare un nome e una password al profilo creato, se si vuole.



screenshot 005 300x176

Finita l’installazione guidata apparirà la schermata del programma, davvero molto simile a quella del programma ufficiale! Basterà cliccare su “Connetti” per iniziare la navigazione.

screenshot 007 300x262

Come vedete nello screenshot qui sopra possiamo vedere la quantità di pacchetti scaricati tramite 3G o GPRS, il totale e il mensile… Funzionano benissimo l’invio e la ricezione di SMS, davvero rapidi, e la rubrica è facilissima da configurare! Può forse mancare a chiunque abbia una chiavetta per collegarsi a internet dal proprio PC con Ubuntu?

Davvero un software fantastico, che può sembrare scontato ma non lo è affatto, perchè fatto benissimo e in grado di risolvere moltissimi grattacapi con queste chiavette!

Alla prossima!

Post Simili:



26 Risposta to “Come installare qualsiasi chiavetta Vodafone 3G su Ubuntu 9.10”

  1. Oscar Ivan scrive:

    Grandissimo, grazie mille, era tutto il giorno che sclerav perché tutto andava bene, ma poi la chiavetta non mi veniva riconoscita dal vodafone-mobile-connect.

  2. stefano scrive:

    ciao innanzitutto ti ringrazio,ma non parte ,cioè il programma funziona ,legge la chiave,ma non la connette ad internet ,mi dà sempre non in linea.

  3. Mirko scrive:

    L’unico problema che è di fondo è sempre questo:
    se non mi funziona la chiavetta x andare su internet , come faccio a collegarmi ai repository che sono su internet ????
    In pratica se ho la chiavetta e non ho internet come ci vado su internet ???

  4. Mirko scrive:

    Ho passato con LINUX meravigliosi momenti e l’ho sempre adorato,ma non è come dite voi…..
    E’ un OS da paura ma x certe cose diventa eccessivamente laborioso.Ho avuto a che discutere anche con delle riviste x questo.Vendono riviste con scritto “con questo linux attacchi la chiavetta e navighi”.Ne ho comperate a decine e nessuna funzionava come loro dicevano.Moduli da compilare e dipendenze (TROPPE) da cercare.Se pensi che non potendo connettermi dovevo fare la spola da casa mia a casa dei miei amici per 2-3 dipendenze alla volta…

  5. Mirko scrive:

    Questo tutt’ora accade ancora con linux.Mi dispiace ma sentire queste spiegazioni come le riviste è indice di immaturità (mi riferisco al OS).
    Tutti dicono “SCARICA BETAVINE !!!”.Si ok , ma se la chiavetta x andare a scaricare betavine e tutte le sue dipendenze (xchè ce ne sono) NON FUNZIONA , come ci vado a scaricare betavine ??
    Anche perchè se posso andare su internet a scaricare betavine significa che GIA’ POSSO ANDARE SU INTERNET no ? E in questo caso che ci devo fare con betavine se già ci vado su internet ?
    Tutto troppo sciocco……….

  6. Enrico scrive:

    Come sei negativo Mirko, fai un bel respiro e capirai che la soluzione è più semplice di quanto pensi. Io ho testato questo metodo sul mio portatile e ne sono molto soddisfatto perchè altamente funzionante (Ubuntu 10.04 supporta invece la mia chiavetta nativamente, basta aspettare 5minuti e si connette da sola). Come ho fatto io? Semplicemente ho collegato il cavo ethernet della connessione casalinga al pc portatile, il portatile si è connesso e ho potuto scaricare tutto ciò che mi serviva. Da quel momento in avanti il portatile si collega anche grazie alla chiavetta.
    Ovviamente bisogna possedere una connessione casalinga (Alice, Fastweb… quello che si vuole), oppure avere un amico/parente che ci presti la sua. Questa è l’unica possibilità, infatti Ubuntu trova tutto ciò che gli serve in rete.
    Poi per quanto scrivi riguardo i repository e la loro complessità, posso dirti che hai ragione! Ubuntu va benissimo, ma è complicato per un utente inesperto che vuol fare grandi cose, va benissimo per l’utente totalmente ignorante (ossia che lo usa per internet, vedere film, foto e ascoltare musica) o per l’utente super-esperto. Tutta la fascia media degli utenti in effetti se non ha moltissima pazienza può finire per detestarlo…
    Alla prossima continua a seguirci!

  7. JapoZ scrive:

    Ciao ragazzi, non so se avete avuto la fortuna usare DOS 5.1 su un 386DX con modem in dial-up a 33,6…. vi assicuro che non ha nulla a che vedere con questo!!!!!!!! non lamentatevi e trovatevi soluzioni Creative!!!! :-) )
    Japoz

  8. Mirko scrive:

    Scusa Enrico ma sembra proprio che la complessità con cui ho scritto non è alla tua altezza.Innanzi tutto sono piu di 10 anni (dalla red hat 7.0) che vivo con linux e di complesso c’è solo la programmazione.Secondo,tu mi devi spiegare perchè devo comprare una chiavetta se ho una rete casalinga con un cavo ethernet.Terzo se compro una chiavetta non è detto che serva per un portatile (vorresti dirmi che se voglio linux che è free devo comprare un portatile e una chiavetta anche se ho una connessione casalinga ? Allora non hai capito cosa è linux in fondo).Non detesto linux ma quelli che come te minimizzano i problemi.

  9. Mirko scrive:

    Il problema c’è ed è reale.Le riviste che si occupano di linux le compri a 5 euro e rotte.Le compri perchè ci vedi scritto che con linux e una chiavetta (e ci mettono pure i modelli completamente compatibili) attacchi la chiave e navighi.NON E’ VERO PUNTO! ALTRO CHE ESSERE NEGATIVI.Quelli che sono negativi sono quelli come te che raggirano il problema e non lo affrontano.Almeno mi sono degnato di scrivere ad una di queste riviste per esporgli i problemi di ubuntu (all’epoca 8.04) , dove li avvertivo che le chiavette che loro dicevano che funzionavano,non ne funzionava neanche una.Poi il modulo airprime nella distribuzione è presente ma non compilato e non funzionava in quanto per compilarlo erano necessarie dipendenze da internet.Inoltre se fossi comunque riuscito a connettermi senza modulo airprime il top della velocità di connessione sarebbe stata GPRS (airprime permette di superare questo limite sempre se compilato).
    Ricevetti una risposta dove si scusavano in quanto dopo controlli effettuati da parte loro (della rivista) risultava purtroppo che quello che dicevo era vero!!!
    ALLORA ANDIAMO AVANTI CON LINUX OK MA RISOLVIAMO I PROBLEMI ! SE LO INSTALLO VOGLIO ANDARE SU INTERNET CON UNA CHIAVETTA E BASTA (E NO CHE DEVO ANDARE IN GIRO A CHIEDERE 10 MINUTI DI CONNESSIONE!!!)
    DEVI PENSARE CHE SE HO UNA CHIAVETTA E’ PERCHE’ MI TROVO IN UNA ZONA DOVE ADSL NON C’E’ E DI CERTO NON MI VA NEANCHE DI FARMI 10 KM PER ANDARE A CASA DI UN AMICO PER CONNETTERMI AD INTERNET.NON HO UN PORTATILE.
    LA FILOSOFIA DI LINUX NON E’ QUESTA E LINUX NON E’ SOLO UN S.O. – LINUX E’ UN MODO ALTERNATIVO DI PENSARE E DI CERTO DA COME MI RISPONDI CHE NON E’ NEL TUO CASO.
    GRAZIE COMUNQUE DELLE RISPOSTE MA GRADIREI NON AVERNE PIU DI COSI SCIOCCHE.
    CHI USA LINUX E’ COSTRUTTIVO……TU NON LO SEI AFFATTO.

  10. Enrico scrive:

    Accidenti sei un duro, beh scusa se ho sottovalutato l’entità dei tuoi problemi, ma vedrò di rispondere per punti ai tuoi commenti.
    1. Io ho un pc fisso e un portatile. Il pc fisso lo collego a internet tramite una connessione casalinga, il pc portatile attraverso una chiavetta quando sono in giro o se sono fortunato attraverso una rete wifi libera (purtroppo il cavo ethernet più lungo che ho è di soli 5 mt). Chiaro questo concetto? PC FISSO>ALICE (o chi per lei), PORTATILE>CHIAVETTA (perchè non a casa). Ecco il motivo per cui uno dovrebbe avere una chiavetta e una connessione casalinga. Da te non c’è adsl? Informati per le connessioni radio, tipo bbbell o eolo che ci sono nella mia zona, nella tua ci sarà altro.
    2.Ho una chiavetta Vodafone K3765-Z. Con Ubuntu 9.10 ero obbligato a utilizzare Betavine perchè Ubuntu non me la riconosceva neppure a pagare. Invece dalla versione 10.04 mi è bastato inserirla nella USB, impostare la connessione attraverso “Sistema > Preferenze > Connessioni di Rete” e ora per usarla mi basta piantarla nella USB e aspettare 10 minuti (sono eterni lo so) e si connette da sola senza toccare nulla. Come faceva con la chiavetta Vodafone E172 della mia ragazza precedentemente. Io ho provato queste chiavette e non so cosa hai tu, se vuoi comprarmene un po’ e inviarmele le testerò volentieri (poi però me le tengo eheh). Ricapitolando, su Ubuntu 10.04 non uso più Betavine perchè con le chiavette in mio possesso non è più necessario (i servizi SMS etc offerti da Betavine non mi interessano).
    3. Hai ragione, le riviste sono care e spesso non dicono un ca…o di utile, il nostro sito invece è gratuito e scritto da appassionati. Fai bene a incazzarti come un ape se spendi tanti soldi in riviste inutili (ma dopo che ne hai provate qualcuna che le compri ancora a fare? Dovresti saperlo…), invece non so perchè te la prendi con noi che non ti chiediamo niente.
    4.Io uso Windows7 e Ubuntu. Mi piacerebbe che Linux rivoluzionasse il mondo ma non sono io in grado di rendere migliore Linux per cui aspetto con fiducia che qualcuno lo faccia. Su Win mi vanto di non avere software commerciale (a parte il SO appunto), mi avvalgo solo di freeware e opensource. Ti faccio così schifo? Tante cose su Ubuntu non posso farle (o non sono capace) per cui tengo anche un Win, sono così una brutta persona perchè utilizzo il pc come un passatempo e non come una ragione di vita su cui costruirci pure una sorta di razzismo verso utenti diversi da me? Ognuno ha le sue idee e lo usa come vuole, noi non parliamo solo di Linux, ci piace e lo stimiamo, ma non esiste solo lui.
    5.Io lo so che per natura sono portato a minimizzare i problemi, quasi come ciò che pensa il dott. Cox dei Grammy Latini Americani… Sono un superficiale ti chiedo scusa, ma quando devo risolvere qualcosa valuto i metodi. Il metodo è molto dispendioso? Il risultato è così importante da giustificare un simile sbattimento? Se no, allora non ne vale la pena. Io scrivo per chi vuole soluzioni semplici, se vuoi soluzioni professionali non posso aiutarti.
    Questo metodo di vita mi permette di essere sereno come un Buddha, auguro la stessa serenità anche a te;)

  11. Mirko scrive:

    Mi dispiace vedere che da un problema di Linux dove avresti potuto semplicemente rispondere “beh si è vero…” sei arrivato al RAZZISMO :-( (
    Se in questo sito affrontare i problemi e parlarne è una cosa così complicata e oscena , basta saperlo e mi levo dai piedi.
    Xò volevo solo farti notare che a fronte di problemi le tue spiegazioni sono fuori tema e vaghe (anzi sono specifiche del tuo stile di vita come hai scritto…ma non puoi congliare a tutti uno stile di vita dove di problemi sembra non ne hai).Mi spiego meglio:
    Se per me avere adsl è un problema visto che non ci arriva niente (e se dico niente vuol dire niente!) e la soluzione per me è solo una chiavetta qualunque essa sia , non vedo perchè devi rispondere che tu non hai problemi…..è inutile no??Certo che non hai problemi…c’hai 2 connessioni!!Questo a chi pone un problema come il mio ,su un piccolo forum ,dopo anni e anni di esperienze sul terminale linux ,serve per poter far in modo di migliorare le cose.
    Se pensi che molto tempo fa linux non aveva neanche una interfaccia grafica…e se nessuno ci si fosse messo a quest’ora non l’avrebbe…non avrebbe neanche tutti quei programmi che sono sui repository….non ci sarebbe niente….niente linux….
    Linux come dicevo è una filosofia (lungi dalla tua ovviamente) e tutti coloro che ne volevano e ne vogliono migliorare l’uso ,almeno ne parlano in rete (vedi problemi con i winmodem,i windriver delle schede wifi,i filesystem ntfs etc etc…).
    Ti sei sentito emarginato da alcune mie parole che ovviamente non erano offensive ma addirittura darmi del razzista….forse il tuo stile di vita che consigli agli altri non è un gran che….non ti ho messo alla prova ma volevo solo sottolineare il problema…in un forum…
    Scusa se ho complicato la tua vita non volevo…pensavo di scambiare 2 idee con qualcuno in possesso di piu di 10 neuroni…ma sembra che non l’ho trovato.
    Ancora tante scuse a te e a tutti sul forum non volevo disturbare.
    HOLA OMBRES…… :-) )

  12. Mirko scrive:

    Però non fate come le riviste che comperavo io….prima scrivete “COME INSTALLARE QUALSIASI CHIAVETTA VODAFONE PIRIPI’ PARAPA’ ” poi in pratica non è così a meno che non si hanno 2 connessioni di rete….
    allora cambiate titolo no ?
    “COME INSTALLARE QUALSIASI CHIAVETTA VODAFONE SU LINUX (SI PUO FARE SOLO CON 2 CONNESSIONI)”

  13. Enrico scrive:

    No te preocupe muchacho! Nel nostro BLOG (non è un forum, ti spiegherò la differenza se vuoi un’altra volta) accettiamo ogni tipo di critica. Io adoro la filosofia Linux, e mio intento è impararne di più. Per ora però mi aggiusto, ne so appena poco di più di un neofita completo per cui le mia spiegazioni sono dedicati a questi ultimi. Non sono neppure al livello “nerd” per cui mi inorgoglisce sapere che un vero geek come te pretende tanto da un niubbo come me :D
    Ma non devi farti problemi, comunque tutte le chiavette piripi e piripa che ho provato funzionano, e se a te non va bene mi dispiace. Il metodo è questo e a me (e non solo a me) funziona. Se tu hai ulteriori problemi mi dispiace vivamente per te! Inoltre tu non ti stai collegando con una connessione Telecom Mobile? Quindi la tua chiavetta non è Vodafone… Inoltre la stai usando, per cui ti funziona… oppure da dove ti colleghi??

  14. Mirko scrive:

    Come al solito le tue risposte sono completamente evasive.
    Nerd,geek,frik e fruk non sò neanche che significa.Da te non ho mai preteso niente.Ma figurati se posso pretendere qualcosa da te….le domande sono rivolte a tutti e NON SOLO A TE!!Ma chi ti credi di essere fenomenoooooo!!!
    Ancora non hai capito che era uno spunto su cui cercare di far migliorare LINUX (linux è così bello adesso xchè in precedenza i problemi venivano diffusi e risolti parlandone no?).
    Mi dispiace constatare che in questo BLOG di amanti di LINUX c’è un PSEUDO-SAPIENTONE INORGOGLITO INUTILMENTE che oltretutto dopo aver scritto di essere neofita (non sei neanche quello xchè un neofita risponderebbe NON LO SO MI DISPIACE),ti permetti pure di accanirti verso di me perchè sei troppo fanatico di te stesso e reagisci verso la tua ignoranza con ignoranza…..mooolto poco neofita…..
    ricorda una cosa RTFM….

  15. Enrico scrive:

    ma che risposta evasiva?? ti ho chiesto con che chiavetta ti colleghi!! dov’è l’evasione? Finchè ti colleghi con una chiavetta Telecom Italia Mobile certamente questo metodo non sarà per te! e se non hai l’adsl rompi le palle al tuo comune come ho fatto io! o trasferisciti… A parte che mi sembra che tu riesca a collegarti a internet fin troppo bene, quindi ci spieghi come fai senza essere evasivo?
    Ma poi Ubuntu è sempre stato un SO che necessita di internet per funzionare, come fai a stupirti che per fare qualsiasi operazione si debba essere online per potersi procurare i pacchetti necessari??

  16. Mirko scrive:

    Se ancora non l’hai capito mi collego quando posso con il portatile di mio fratello e da casa sua….Ma questo non ti dovrebbe proprio interessare visto la natura dei BLOG.Ma ho capito con chi sto parlando e quindi mi devo dilungare un pò per chiariti le idee (sicuramente non a tutti visto che adesso tiri in ballo TUTTI gli utenti del BLOG.Forse ti senti un pò solo….e sò anche perchè….invece non credo che tu lo intuisca).
    Linux e qualsiasi distribuzione nasce come seria alternativa a win,libera,free,e sicuramente migliore sotto molti punti di vista.Quei pochi punti a sfavore di linux sono stati migliorati nel tempo semplicemente parlandone su internet,ovunque (ispirandone a volte anche community a studiarne la soluzione).
    Chi ha l’adsl di certo non va incontro a problemi di connessione come me o come chi non ha l’adsl ,quindi chi usa la chiavetta come me va incontro a problemi di cui chi ha l’adsl non sa neanche che esistano (Questa parte del sito esiste perchè esiste il problema no?Altrimenti non esisterebbe questa sezione!).
    Quello che dici di Ubuntu non è proprio cosi.Anzi per niente.Ubuntu funziona egregiamente anche senza connessione ma non si ha la possibilità di installare software e utility e quant’altro se non tramite internet.Non è l’unico ed infatti io mi riferisco a Linux in generale.Quando dico ubuntu è perchè è stato il primo ad essere pubblicizzato come SO LINUX che supportava nativamente le connesioni GSM-GPRS-UMTS con modem USB completamente compatibili (inizialmente i modelli compatibili di modem USB o chiavette erano specificati quali funzionavano,ma su molte prove che personalmente avevo fatto e che non funzionano come pubblicizzato).
    Dopo un botta e risposta con una redazione che vendeva riviste con LINUX (free) e che quindi faceva soldi vendendo una cosa free ,mi sono visto rispondere che si avevo ragione,ma che era così e basta.
    Questo non và d’accordo con la filosofia linux,però l’ho accettato (ovviamente non ho mai piu comperato riviste di nessun tipo).
    Linux da 10 anni a questa parte si è sbalorditivamente piazzato come unica e valida alternativa a win solo perchè i fedelissimi ne hanno reso possibile lo stato attuale.Di sicuro non sono state nè le riviste a renderlo ciò che è ora,e neanche le persone che pensavano di scoprire l’acqua calda.
    Questo era il processo : problema riscontrato…problema riversato in rete….i piu bravi riuscivano a risolverlo cooperando e mettendo chi piu chi meno fino alla risoluzione.Una volta risolto,sempre dalla rete,si patchava ciò che serviva.Tutti ringraziavano tutti e via.Questa è la filosofia LINUX (vedi GPL1 ,2 ,3).
    Ora,per esempio,se io ho un problema,e provo a buttarlo in rete (con piccoli sacrifici vista la mia situazione per connettermi),spero che a forza di girare su internet questo problema venga risolto (non è detto che DEBBA essere risolto,però ci provo!).
    Adesso veniamo al motivo per cui sono STUPITO (si dovrebbe capire ma lo scrivo che forse è meglio..).
    Mi STUPISCE il fatto che ho un problema con il PC per farlo connettere ad internet con un modem USB UMTS,e non ho altro a disposizione.
    Mi sento rispondere da TE che il problema l’hai risolto connettendo il portatile all’adsl di casa (ed è il tuo secondo errore visto che la mia situazione non è per niente simile alla tua.Il tuo primo errore è aver pensato di rispondere senza cognizione di causa).
    Infatti sono proprio stupito di te!BRAVO.BRAVISSIMO.
    E’ come se uno dice che non gli parte la macchina e TU te ne esci dicendo di prendere la macchina e andare dal meccanico.Ma se la macchina non parte,non parte no?quindi meglio stare zitti piuttosto che fare la figura dello stolto.
    Infatti se proprio dovevi dire qualcosa potevi dire “io il problema non ce l’ho.Non sò come aiutarti.Magari qualcuno prima o poi scrive qualcosa sul BLOG in merito.punto.”.
    Invece mi vieni a dare del razzista,del geek,del nerd,di qui e di là…(E POI MI CHIEDI SE SONO STUPITO! OSSIGNOREEE!!)
    QUESTO E’ QUANTOMENO ANOMALO VISTO CHE TI PROFESSI PER RISOLUTORE DI PROBLEMI.
    Se li risolvi così i problemi lascia perdere….infatti non sai proprio che pesci pigliare….
    forse il BLOG è tuo e cerchi di salvare la faccia…ma non è il tuo BLOG che ci sta rimettendo,piuttosto sei tu che ostenti inadeguatezza alla risoluzione dei problemi e danneggi in minima parte anche il BLOG dove ci sono molte persone serie tranne una.
    Quando non si è a conoscienza di una cosa,è meglio tacere che rendersi ridicoli.Soprattutto ricorda una cosa :
    Il saggio parla se interpellato,l’intelligente parla con cognizione di causa,l’ignorante parla a sproposito,SOLO LO SCIOCCO PARLA SEMPRE !!
    PS: la chiavetta che non funziona è la MD-@ della momo….

  17. Mirko scrive:

    A………DIMENTICAVO LA COSA PIU IMPORTANTE……
    Ubuntu prende il nome da un’antica parola africana che significa umanità agli altri, oppure io sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tutti. La distribuzione Ubuntu migra lo spirito di Ubuntu nel mondo del software

    SE ERA PER TE…..AOOOOOOOOOO

  18. Enrico scrive:

    Scusa se rispondo ora a tutta la tua pappardella (maddò, poi dici che sono gli sciocchi a parlare sempre… ma quanto scrivi??) ma mi sento in dovere di precisare alcuni punti:
    1.Viva Linux, viva i forum e le community che parlano di Linux, ma noi non siamo ne uno ne l’altro, abbiamo semplicemente recensito un programma funzionale per quello che era il nostro bisogno. Molte persone ci hanno ringraziato, chi non lo ha trovato utile ha semplicemente cercato altro.
    2.Ribalto il tuo esempio: mi dici che la tua macchina non parte? io ti rispondo: “hai provato a collegarla con i cavi a un’altra macchina come ho fatto io?” se tu poi mi rispondi che non hai un’altra macchina non posso farci nulla, molti hanno una seconda macchina, per cui sei sfortunato e dovrai trovare un’altra soluzione.
    3.Tutto il tuo tema sulla filosofia Linux è ammirevole, ma non vedo cosa centra su un programma che io consiglio per determinati tipi di chiavetta Vodafone e tu non hai un modello come quello per cui è scritto l’articolo. Tornando agli esempi automobilistici che ti piacciono è come se io ti dicessi “Il V power va benissimo sulla mia auto, lo consiglio a tutte le auto come la mia o simili” e tu mi rispondessi “non capisci nulla, io ho un auto diesel e il v power non funziona per nulla sulla mia, anzi!”
    4.Io parlo di Ubuntu perchè uso Ubuntu, le altre distro le conosco per fama o per lavoro (red hat), ma diversamente non mi interessano.
    5.Non devi stupirti per ogni cosa, tutto ha dei limiti, tanto tu quantoo il tuo pc quanto il tuo SO. Forse un giorno faranno le chiavette autoconfiguranti anche per Linux (per Ubuntu la mia chiavetta Vodafone lo è già quasi,e te l’ho scritto, ma non voglio essere ripetitivo), magari dalla prossima versione anche la tua momo ti basterà collegarla per navigare. Avresti dovuto informarti meglio in rete su quali chiavette sono meglio compatibili.
    Ciao buon Ferragosto!

  19. Mirko scrive:

    Purtroppo in rete ci si può beccare anche le pappardelle (nei limiti ovvio.almeno vale per me) e se poi sono meritate bisogna anche accettarle senza rosicare.
    Secondo te se dovessi avere 2 macchine e una non parte credi che sarei venuto qui a chiedere ??? :-| |
    Non ti ho mai chiesto come fare a far partire una macchina con un altra!!Non avrei il problema e non chiederei soluzione no ??
    Questo ancora non l’hai capito….o ci sei o ci fai!
    P.L.P. :-) )
    E pure ad esempi stiamo a carissimo amico…..
    Il tuo punto 4 dimostra tutti i tuoi limiti.
    Il tuo punto 5 invece presuppone giustamente che tutti abbiamo dei limiti (verissimo!!sopratutto io nelle connessioni…).Ti ripeto che se tutti facessimo come fai tu a quest’ora linux era ancora a riga di comando.
    In rete ci ho guardato come avevo la possibilità e con poche ore avevo già capito che le chiavette considerate compatibili erano QUASI compatibili in quanto si aveva bisogno di soddisfare dipendenze (molte) le quali presenti solo su internet.Il che mi riportava al problema iniziale.La MD-@ era proprio una di quelle SUPER-COMPATIBILI (di fatto non lo era per niente).
    Ovviamente se una macchina non và uno se ne compra un’altra.Bene.Grazie del consiglio da Albert Einstein.Non ci ero arrivato.Meno male che ci sei tu…Grazie grazie mille grazie….Buon Ferragosto anche a te….e al tuo BLOG…o FORUM…o COMMUNITY…o tutto quanto….tanto come hai detto tu non sei ne uno ne l’altro…Grazie Albert….

  20. Enrico scrive:

    Figurati Mirko, è stato un piacere discutere con una persona migliore di me. Spero di aver ancora spesso a che fare con persone di siffatta grandezza al fine di colmare le mie lacune.
    Ora stacco il fisso e mi metto a far qualcosa sul mio portatile utilizzando Ubuntu, sul quale sono capace di far funzionare la mia chiavetta. Tu parli parli… ma alla fine chi è riuscito a connettersi sono proprio io… la tua nemesi blogghistica ahahah
    Dai bello, se sei così ferrato potresti fare un tuo blog, non ci hai mai pensato? Potresti farlo come vuoi tu…

  21. ginetto scrive:

    non capisco tutta sta critica sul fatto che per fare andare una connessione ce ne vuole un’altra, non abbiamo tutti gli stessi problemi, io ad esempio ero nella situaiizone che una connessione ce l’avevo ma la chiavetta non andava e una spiegazione come questa mi sarebbe tornata utile. Poi di fatto ai tempi me l’ero trovata da solo la soluzione (sempre con betavine) però per dire che a qualcuno non serve a niente e a qualcun altro risolve il problema, quest è la vita, se un post a te non va bene semplicemente non lo leggi e passi al prossimo

  22. Enrico scrive:

    Bravo Ginetto, concordo pienamente!

  23. lorenz scrive:

    ma sto mirko quanto parlava ?
    un troll direi … e povero enrico che gli davi anche retta :-)

  24. Simone scrive:

    ciao …complimenti per la guida, davvero molto chiara però purtroppo ad oggi sembrerebbe che non esistano più risorse da quei repository… ho ubuntu 10.04 LTS e internet key vodafone però nè viene riconosciuta, nè si scarica il pacchetto vodafone-mobile-connect.. aiuto!

Rispondi